CitizenCamp: Finalmente a casa!

CitizenCamp 2007
Se non l’avesse organizzato lei 9 ore su quei cazzo di treni col piffero che me le facevo! Ad essere sincero c’era almeno un altro motivo per andare: la iFamily, Cesare è proprio bellissimo e poi F. e D. sono ancora più sorprendenti e favolosi di quanto potessi immaginare.
Il resto ormai è (per me) routine! Gente fantastica, un sacco di spunti, un sacco di risate.
Qualche nota fintanto che mi reggo in piedi*: Gaspar invece di picchiarmi mi ha regalato una fiammante t-shirt e mi ha dato un’altra lezione di tai chi, una disciplina che è appena meno disarmante dei suoi commenti; Stefano Quintarelli ha tenuto un altro intervento da urlo, se solo si lasciasse filmare! La complessità delle vicende che esamina e la completezza con cui affronta i diversi aspetti (tecnologia, diritto, lato sociale), rendono difficile ripetere quello che dice è difficile e comunque meno rendono il racconto meno incisivo. Mantellini e Morelli sono simpatici, non era una cosa che davo per scontata. Bello l’intervento di Antonio sulla politica online (da e-lettore a e-parlante) e le osservazioni di Alessio (dico bene?). Su un tema assai simile, quel genio di Gianluca ha tirato fuori una storia incredibile di malacomunicazione (a me se avessero voluto pompare 3,5 miliardi di metri cubi di gas sotto al fondoschiena gli avrei rigato la macchina, altro che blog…).
Un odio particolare l’ho rivolto a Mucio e alla sua vodka avvicina popoli (che sembra invece aver trovato un estimatore in Massimo).
Risate oltremisura con Fullo, Cristian e Gioxx quasi da farsela sotto, con gran godimento di Gioxx che stava ai miei piedi, ma questa è un’altra storia.
Infine ho conosciuto Luca e Feba e il Dema. Zoro si pettina la barba per fare il bignami del GF oppure se ne attacca una finta per venire ai barcamp…

E poi l’abbraccio di Susan che fa passare tutti i problemi.

L’unica nota negativa è che continuano a scambiarmi per Nicola Mattina e io non so come scusarmi con lui. Ci tengo a precisare che sì, c’è una certa somiglianza (io sono quello di destra) ma è solo esteriore. Lui è uno veramente forte!

Su flickr ci sono un po’ di foto, aspetto di vedere quella mia con Estroversa in braccio fatta da Samuele, su blogbabel trovate un po’ di post.

* Altrimenti poi questo post fa la fine di quello del Cisco Expo (e del piolacamp e del blogcenazena)

16 thoughts on “CitizenCamp: Finalmente a casa!”

  1. Baldraccona! Non doveva essere il nostro “piccolo segreto”? 😀

    Vabè, solo per stavolta sei perdonato dai! 😛 Grazie per la compagnia Teo! 😀

  2. Zoro si pettina la barba per fare il bignami del GF oppure se ne attacca una finta per venire ai barcamp…

    È lo stesso pensiero che ho avuto quando l’ho visto al MarCamp… 😉

  3. Troppo buono, matteo.
    Per uno che non aveva mai partecipato a niente, mi è sembrato molto amichevole e piacevole, oltre che interessante.
    Alla prossima!
    gluca

  4. Perchè un odio particolare? non ti è piaciuta la vodka? non dovrebbero essere tutti così i talk nei barcamp?

  5. ringrazio per le doti taumaturigiche che mi reputi, ma vorrei dirti che non riesco a telefonarti che timmi dice che il tuo numero e’ staccato.
    puoi fare qualcosa? 🙂

  6. mi cospargo il capo di cenere per sai cosa, mannaccia a me, devo averci un bug nel riconoscimento persone 🙂
    un abbraccio!

  7. Nove ore?? aaaaaazzzzzz…

    E’ stata veramente una bella giornata..rinchiusi nella saletta piccola!
    Il social network finale è stato veramente da ribaltarsi dalle risate, io almeno ho avuto qualche problema ad usare la macchina fotografica 😀
    Ciao Nicola!

  8. Pensa che per me eri Paolo Valdemarin (non chiedermi il motivo però) 😉
    Comunque la prossima volta mi stampo un A3 con il mio nome e l’ URL del blog…

Comments are closed.