NoCast: era meglio morire da piccoli che partecipare ad uno skypecast

Si è concluso da qualche minuto lo skypecast su Prototipazione Web organizzato da Alberto e Luca. Tema già interessante di suo reso ancora più intrigante dagli organizzatori, due fini menti, e dai partecipanti: tra gli altri Matteo, Cristiano e Roberto. L’inizio è tecnicamente un disastro, l’effetto larsen ricorda certe scene di shining, Alberto viene messo alla porta da uno SkypePadrone che non perdona e non può, Alberto, amministrare nulla. Ci sono alcuni minuti di autentico panico nella chat testuale nella quale si sono rifugiati pochi fortunati. Matteo e Roberto improvvisano skypecast di emergenza mentre stoicamente Alberto lotta ad armi impari contro un’interfaccia da prendere a schiaffi. Momenti interminabili in cui si mostra il vero carattere:

[21:27:45] Matteo Balocco: se qualcuno fosse interessato ho uno skypecast attivo sul tema pizza e patata… magari lì c’è meno bordello

Felten ha attivato uno skypecast segreto per evitare di essere intercettato da certe giovini di 26 anni, australiane di certo interessate all’argomento ma noiose per via di certa loro abitudine a lasciare il microfono aperto; non c’è bisogno di dire che nessuno l’ha trovato.
Proprio quando le speranze andavano scemando, ecco che Alby recupera qualche chilo di banda e riesce a parlare e a registrare immortali parole.

Tu, tu che aneli a maggiore conoscenza, tu, tu che pensavi col skypecast di generare flussi indomiti di menti e pensieri, tu, si proprio tu. Vai a berti una coca piuttosto che skypecast è una ciofeca.

Qui sotto uno schizz(ett)o che ci ritrae durante l’esperimento da NON ripetere
Nocast: era meglio morire da piccoli che partecipare ad uno skypecast
Image courtesy by OninO

Qualche post complementare: Alberto, Roberto, Matteo

4 thoughts on “NoCast: era meglio morire da piccoli che partecipare ad uno skypecast”

Comments are closed.