Paperbookissima

photo by hwh222
Ieri sera Mirko, figlio minore di Piero Angela, presentava Tecnologie affettive di Maurizio Torchio alla Libreria Namastè di Tortona.
Con la verve che contraddistingue anche il fratello maggiore, Mirko non si è limitato a presentare il libro, ha creato un percorso umano e filologico che dall’interiore andava verso l’esteriore, dal personale al impersonale fino al bestiale; incredibilmente viva l’immagine del gatto di Baudelaire archetipo (nel senso junghiano di immagine presente nell’inconscio collettivo) del gatto di Maurizio, sparati entrambi (i gatti) con un cannone a phaser verso le fessure o piaghe dell’animo umano, un umano, si badi bene, in pigiama. Interessantissima la teoria dei gatti che tendono a infilare la testa a mo’ di struzzo negli anfratti più angusti per preservare la temperatura del naso.
Particolarmente emozionato poi, mentre descriveva il Dune Buggy tutto oleoato che percorre la vallata sud della bella Giulia-Sara.
La presentazione si è chiusa con la lettura da parte di Ilaria (una donna, mi si permetta, dostoevskijana) del quarto di libro più significativo.
Come in una bella favola, la serata non si è conclusa con i rintocchi della mezzanotte ma è proseguita ancora con discussioni pregne e qualche chiacchera più faceta.

La prossima settimana è in programma una spaghettata con l’aiuto di Bru e conseguente retrospettiva, sempre curata da Mirko, dei film di Alvaro Vitali. Si ritengano avvisati i soci dell’asse TortonaAlessandriaAstiVogheraPaviaGenova e ovviamente chiunque altro sia interessato al piano.

ps
Io comunque il libro l’ho comprato perché sembra decisamente curioso…

11 thoughts on “Paperbookissima”

  1. @PlacidaSignora: Si avevo letto il tuo post.
    Il libro è curioso, purtroppo sono riuscito a leggiucchiare solo il racconto in questione (sono 6 a proposito) e la ragione dell’esistenza di questo cannone a gatti è… buffissima, decisamente gattesca 😉

  2. Ma parliamo di cibo: cosa dicono le ultime previsioni sulla cena? Siamo sempre sul martedì 12? Che io nel uichend non ci sono…

Comments are closed.