L’ora delle gozzovigliate inevitabili

Nic McPhee\'s photo

L’ora, delle gozzovigliate inevitabili è giunta! Ormai, possiamo tranquillamente dire: pure passata!
In un coacervo di blogger, di entrambi i sessi ma dello stesso schieramento liberal-progressista ma non progredito si è tenuta presso una nota vineria alessandrina, la prima storica riunione dell’asse TortonaAlessandriaAsti che speriamo di gemellare presto con quelli di Torino-Milano sì che si possa ridurre il nemico padovano ad un misero cumulo di bit informi, più che informatici (almeno così dice qualcuno dall’anima candida). Non sono mancati i collegamenti audio con amici di sotto il Po, che non hanno esitato a sospendere la loro opera scoopatoria per rivolgerci un caloroso saluto. Da parte nostra non sono mancati pensieri affettuosi per blogger con bei popò.
Quanto prima speriamo di replicare, magari con quelli di Pavia e dintorni, che son mancati e che tanto danno (inconsapevolmente) alla causa.

N.B.
Il tenutario di questo blog non ha costumi tanto facili per via di certa sua obesità che lo incapponisce su posizioni di assoluta fermezza nel mezzo della corrente d’aria.
Quindi, se poteste evitare qualsivoglia critica negativa sui blogger tortonesi che sono particolarmente sensibili, ve ne sarei grato. Fa troppo caldo per mettersi a togliere commenti o per scrivere vibranti repliche!

Uggiornametos
Surreale ha messo su qualche foto che va ad aggiungersi alle altre (1, 2, 3, 4)

6 thoughts on “L’ora delle gozzovigliate inevitabili”

  1. Trivial Simpson! Chi dice a Telespalla Bob “Uno che parla tedesco non può essere cattivo”?
    8)

    Comunque meno male: già temevo promettessi vendetta a me!
    Non si caviva perchè!
    Io ho un animo così gentile…

  2. però… quanta gente…
    qui a roma si è istituito il gelato settimanale e c’è di tutto: dalle foto alle opere d’arte, alle letture estemporanee di collages.
    Ma soprattutto la cassata con panna ed il cialdone ed anche qualche sano pettegolezzo.

    Baci di buon inizio di settimana

  3. @Isa: Uhhh qui per tirare fuori la gente dalle case si fa una faticaaa 😛

    @manu: Proprio tu… 😀

Comments are closed.