Rispondete per favore!

Paolo dice:

Sono perfettamente d’accordo sul fatto che i toni vadano moderati, ma penso anche che sia il caso di iniziare a pretendere delle risposte da chi decide di partecipare alle conversazioni in rete.

Io non sento praticamente più risposte sensate e coerenti con la domanda posta né in rete né nella vita comune… oppure è un’impressione solo mia?

Creative Commons License
This work, unless otherwise expressly stated, is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License.

20 pensieri su “Rispondete per favore!

  1. silvia

    non so di preciso quela fosse la domanda. ma direi che in effetti, a prescindere, sensatezza e coerenza son concetti obsoleti.

  2. Matteo

    Bisognerebbe esigere anche delle domande da chi decide di partecipare alle conversazioni in rete.
    Senza contare che oltre alle domande e alle risposte sono importanti (e spesso dicono molto di più) i silenzi.
    Ora vado a fare la cacca.

  3. jtheo Autore articolo

    @Davide: eh, temevo…

    @Giorgio: come potrei non essere d’accordo con questa tua affermazione? ;)

    @silvia: anche io sono obsoleto ma di solito rispondo :P (coerente no, mai stato e mai lo sarò :D)

    @eio: ehhh lei va al campeggio coi blogger grandi eppoi mi liquida con un chilo di prosciutto eh? :D

    @matteo: silenzi imbarazzanti che spesso valgono più delle parole eh si.

    @unicno: lol :D

  4. Miti

    In rete si dimostra spesso l’annoso problema di chi risponde senza aver letto ci che richiede la risposta. Ma spesso anche colpa della domanda, che molte volte inesistente, retorica o esposta in modo fumoso; e questo accade anche nella vita reale.
    E poi dipende con chi parli. Ottenere risposte chiare, nette, dettagliate, precise e pertinenti da un politico una somma utopia…;-D

  5. Andrea Opletal

    … una riflessione interessante mi hai lasciato senza parole!
    però credo che non si possa generalizzare ..dipende dalla persona… da chi deve rispondere..

  6. Angelo

    Il fatto e’ che in rete — molto spesso — non c’e’ vera volonta’ di *conversazione*, ma soprattutto di *presenza*. Quindi spesso non si fanno vere domande e non si danno vere risposte.
    In un certo senso la rete amplifica un atteggiamento che vedo diffuso un po’ dappertutto, sul lavoro come in molte relazioni interpersonali.

  7. flashmotus

    @angelo: concordo con te, ma da neo blogger apprezzo commenti ai miei post anche timidi, imbarazzati, forzati, molto ot, l’importante è la partecipazione e da qui instauro rapporti di conoscenza e qualche volta anche di amicizia…

I commenti sono chiusi.