Allarmi! All’armi!

Amedeo AvogadroQuesta notte l’Università del Piemonte Orientale, Facoltà di M.F.N. Amedeo Avogadro, ha deciso di suonare alta la sirena della cultura per risvegliare tutti i cittadini, proprio tutti nè, dal loro torpore culturale. Per ben due ore incuranti delle offensive di vigili, urbani et del fuoco, gli allarmi dell’Università hanno risuonato forti ed io stesso non ho potuto fare a meno di rispondere all’appello e correre verso l’Università, armato solo di un accendino e di una tanica di benzina ma senza potermi avvicinare sufficientemente.
Tra l’altro nel momento in cui scrivo pare che il sito sia “vuoto” e non solo quello della facoltà di mfn ma proprio tutti, giurisprudenza, economia, lettere e testamento… Che l’allarme suonasse perché si stavano portando via i computer? Mah.

Creative Commons License
This work, unless otherwise expressly stated, is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License.

8 pensieri su “Allarmi! All’armi!

  1. gattostanco

    Credo che la faccenda sia che in palazzoni istituzionali chi ha accesso alle chiavi per spegnere l’allarme normalmente è a casa a dormire e allora bisogna svegliarlo e dargli tempo di arrivare.
    Oh, bene… io feci suonare un allarme per aver dimenticato di chiudere una finestra e chi aveva le chiavi del sacchetto con dentro le chiavi per entrare e chiudere la finestra e spegnere l’allarme dovette muoversi durante un temporale (solo in caso di un suo impedimento accertato sarebbe stato possibile tagliare il sacchetto).
    Molto più divertente era l’allarme dell’area militare agli Orti: ancora a manovella partiva pesante e lento per poi, raggiunto un certo ritmo, ululare che era una meraviglia facendo incavolare i cani a ridosso del muro di cinta, bestiole solitamente simpatiche e giocherellone …L’allarme era sotto un lampione in piena luce in campo aperto e questo lo rendeva teoricamente oltremodo pericoloso da usare in caso di reale pericolo giunto dall’esterno, dell’altro leggenda narrava fosse di estrema sfortuna anche solo il toccarlo).
    :D
    Il sito dell’Università è ritornato.

  2. jtheo Autore articolo

    @gatto: com’è, come non è, la prossima volta un colpo di bazooka non glielo leva nessuno! :D

    @paolo: è uno stile mistificatorio cmq non è successo nulla di particolare, semplicemente è scattato l’allarme dell’università che nella notte si è propagato per tutti gli orti e anche un po’ oltre… :P

I commenti sono chiusi.