A proposito di software – Joel Spolsky

Lungi da me fare markette e/o recensioni di libri per gli evidenti limiti che mi contraddistingono ma questo mi è proprio piaciuto; ha, in molte parti, quel tipico umorismo malato che mi rende assai felice. Per fare un esempio, dalla quarta di copertina:

Sì, lo so: i programmatori detestano scrivere. E quando, per qualche motivo, sono obbligati a farlo, il risultato sembra il manuale di riparazione di un DC-3 o una raccolta di esempi errati di una guida di stile.

Si tratta di una raccolta di articoli e post dove si passa da tecnicaglie su Python e C++ a problematiche nella gestione di comunità e anche se non recentissimi forniscono un sacco di spunti interessanti (senza lo stile un po’… palloso americano di Chris Anderson).
Metto i link ai post originali nel caso ti interessasse:

  • Introduzione (pdf in italiano dal sito della mondadori)
  • Ken Arnold, È lo stile che conta (Il pdf in italiano con introduzione di Joel sempre dal sito della Mondadori
  • Leon Bambrick, Premio per l’interfaccia utente meno intelligente: La ricerca in Windows
  • Michael Bean, Le insidie della programmazione in outsourcing
  • Rory Blyth, L’utilizzo di Excel come Database
  • Adam Bosworth, Intervento alla ICSOCO4
  • danah boyd, Software sociale autistico
  • Raymond Chen, Perché non bloccare le applicazioni che si basano su comportamenti non documentati?
  • Kevin Cheng e Tom Chi, Un calcio al lama
  • Cory Doctorow, Salviamo il Canada dalla WIPO
  • ea_spouse, EA: La storia umana
  • Bruce Eckel, Tipizzazione forte e strong testing
  • Paul Ford, Elaborazione di Processing
  • Paul Graham, Grandi hacker
  • John Gruber, Il campo dell’indirizzo è la nuova riga di comando
  • Gregor Hohpe, Starbucks non utilizza il commit a due fasi
  • Ron Jeffries, Passione
  • Eric Johnson, C++ Il cavallo di Troia dimenticato
  • Eric Lippert, Quanti dipendenti Microsoft ci vogliono per cambiare una lampadina?
  • Michael “Rands” Lopp, Cosa fare quando si è stressati
  • Larry Osterman, Le regole di software engineering di Larry #2: I tester non possono essere valutati in base ai test
  • Mary Poppendieck, La ricompensa del gruppo (pdf dell’articolo originale dal sito dell’autrice
  • Rick Schaut, Mac Word 6.0
  • Clay Shirky, Un gruppo è il peggior nemico di se stesso
  • Clay Shirky, Gruppi di utenti: Il Flaming e la progettazione del software sociale
  • Eric Sink, Il divario, Parte 1
  • Eric Sink, Il divario, Parte 2
  • Eric Sink, I rischi dell’assunzione di personale
  • Aaron Swartz, PowerPoint Remix
  • why the lucky stiff, Rapido, e si spera indolore, viaggio attraverso Ruby (con i fumetti delle volpi).
  • ps
    Com’è questo template?

    Creative Commons License
    This work, unless otherwise expressly stated, is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License.

    10 pensieri su “A proposito di software – Joel Spolsky

    1. Giorgio Zanetti

      Il nuove template mi piace molto.

      Probabilmente te ne sarai già accorto: con Firefox 2.0.0.3 e IE7 (1024×768) nel menù in alto il testo “Blog Rolling Stone” sconfina nello spazio vicino di “Contactami”. In IE6 tutto ok.
      Ciao!

    2. jtheo Autore articolo

      Si ha un tot di difetti e imperfezioni, ero in dubbio se pubblicarlo o meno e poi ho deciso che siamo in epoca di beta2.0 e andava bene anche così anche perché post come questo col template vecchio erano illeggibili (come se ci fosse chissà quale cosa interessante) e ritardarlo ancora mi ingolfava la coda.
      Questo l’ho scritto una settimana fa, quello della blogstar aveva (quasi) senso il 2 aprile dopo lo scherzone.

    3. Barbara

      Si come ti hanno già scritto lassù sconfina e mi par un pò tristarello ma mi sa che è il tuo genere (anche quello di prima era circa di sti colori se non erro?)

    4. kOoLiNuS

      il template ce l’ha (o aveva ?) su da tempo il mio amico ciccio (cphp.it) se non erro. è carino ma te sei una blogstar e devi fare di meglio !

    I commenti sono chiusi.